Addio Enrico, grazie sentinella d’Italia

La eco del colpo di pistola che ha posto fine alla vita di un giovane militare deve richiamare tutti al dovere di combattere il pernicioso virus della solitudine tra i Quadri del nostro esercito con la “medicina della vicinanza”

***

Qualche giorno fa, a Roma, si è tolto la vita con un colpo di pistola il caporal maggiore Enrico De Mattia impegnato nell’operazione Strade Sicure contro il pericolo terrorista e della malavita nazionale oltre che d’importazione. Stando a quanto riportato da alcuni media, le ragioni del suo gesto sarebbero da ricercarsi nel fatto che «I ragazzi chiamati a svolgere il servizio nell’operazione sono tutti provati fisicamente ma, soprattutto psicologicamente».

È chiaro che chi ha scritto cose del genere non conosce bene i nostri militari, né li ha mai visti operare all’estero, in contesti operativi dove combattere era all’ordine del giorno e in condizioni ambientali quasi sempre estreme… più provati di così. Nonostante ciò, non abbiamo mai colto in loro un benché minimo cedimento o qualche tentativo di sottrarsi al pericolo ma, anzi, abbiamo sempre dovuto raffrenarne la gara di emulazione, di cameratismo spinto fino al sacrificio di sé, la solidarietà spesso ingenua con popolazioni non sempre nostre amiche. Peraltro, un militare impegnato in un servizio armato o comunque in operazione, quale che sia il grado, non ha il tempo di pensare al suo fisico provato, deve avere gli occhi sgranati e le testa sulle cose che sta facendo, se vuole salvare la propria vita e quella dei propri dipendenti.

Ebbene, che cosa è cambiato in questa particolare razza di uomini e di donne, perché in appena sei mesi abbiamo avuto tre suicidi in un’aliquota di appena 7.000 militari impegnati nell’operazione Strade Sicure, un servizio che tutto sommato è da considerarsi di guarnigione? Qual è il virus che sta minando la loro tempra? Di fronte ad avvenimenti così intimi e drammatici come la rinuncia volontaria alla vita, nessuno può avere certezze preconfezionate sui perché e sui per come, purtuttavia, avendo vissuto per quasi mezzo secolo in mezzo ai militari crediamo di conoscerli bene, e di conoscere anche il nome del virus che in questo momento sta aleggiando sull’operazione: la solitudine. A maggior ragione se l’estremo gesto di Enrico è stato innescato da problemi sentimentali come hanno anche ipotizzato i media.

Il tipo di presidio e di pattugliamento mediante i quali si snoda l’operazione Strade Sicure è, in genere, svolto da due militari che, da un giorno all’altro, hanno lasciato la loro caserma, distante anche centinaia di chilometri, dove tutto era chiaro, dove tutto era dato per scontato, per diventare due puntini nel microcosmo di una grande città. Non più il solito compagno di stanza cui confidarsi, non più il collega anziano e padre di famiglia sempre pronto a soccorrerli con la sua esperienza, non più gli omologanti riti della propria caserma: da un giorno all’altro tutto è diventato loro estraneo! Peraltro avendo avuto poco tempo a disposizione per ricondizionarsi come si usa dire nell’ambiente militare. E la notte, la notte passata a vegliare in una solitudine ancora maggiore di quella del giorno, quanti pensieri si rincorrono nella mente di questi giovani, pensieri belli e brutti, mentre la loro anima ha per compagni unicamente i ricordi non sempre belli, non sempre confortanti, assieme alle tremolanti ombre dell’ambiente e della memoria.

La eco del colpo di pistola che ha posto fine alla giovane vita di Enrico deve, perciò, chiamare tutti a combattere il pernicioso virus della solitudine tra i nostri militari, ma non con i comunicati dello Stato maggiore (che spesso sono anche più evanescenti delle ombre…) bensì con la medicina della vicinanza, la vicinanza dei comandanti ai loro dipendenti fuori sede, la vicinanza della popolazione ai propri angeli custodi. Quella dei militari in strada è, infatti, più di una presenza occhiuta e discreta, sono i figli del popolo in mezzo al popolo, sono i figli d’Italia – e quindi di tutti noi – che vegliano sul Paese dall’interno mentre dei folli gli stanno scoprendo le spalle dall’esterno. Ma essi sono lì senza nulla chiedersi, unicamente per fare il proprio dovere, spesso in compagnia d’insopportabili ambasce personali.

Perciò, non facciamo mancare ai tanti Enrico in mimetica il dono di una bottiglietta d’acqua fresca mentre picchia il solleone, un sorriso riconoscente, qualche parola di gratitudine, od anche un semplice saluto con la mano accompagnato da un «Grazie ragazzi…». Aiuterebbe a far sentire meno sole queste giovani sentinelle d’Italia e, in fondo, anche tutti noi.

2 commenti

  1. Non volendo entrare troppo nel merito, e senza voler mancare di rispetto, mi permetta di dire che Lei non conosce un bel niente di quel che significa essere militare, e che non può né dire che siano gli altri a non conoscere il mondo militare, né tantomeno minimizzare lo stress che un’Operazione, seppure in territorio Nazionale, possa comportare. Un militare.

    Mi piace

    • Egregio signor Puma, chiedo scusa per il ritardo con cui rispondo – di solito sono più rapido – ma capita anche a me di restare lontano dal Social per qualche giorno all’approssimarsi del ferragosto.
      Sono il responsabile del blog che ha pubblicato l’articolo sul suicidio del Caporal Maggiore Enrico De Mattia, articolo da lei contestato accusandomi di «… non conoscere il mondo militare, né tantomeno minimizzare lo stress che un’Operazione…». Io?
      Per carità, non farò nulla per smuovere i suoi convincimenti e può darsi che effettivamente io non conosca niente della vita militare, anche se vi ho dedicato quattro libri regolarmente pubblicati e 42 anni della mia vita – da militare di leva a Tenente Colonnello – e con certe responsabilità di comando proprio dei Volontari. Credo, tra l’altro, di aver avuto assegnate al reparto che allora comandavo le prime Volontarie inviate presso Unità operative.
      Fermo restando che ogni critica è il benvenuto sul nostro blog, mi domando con quali occhi abbia letto l’articolo in fattispecie poiché in esso si sostiene l’esatto contrario di ciò che ha inteso lei, tant’è che dalle oltre 15.250 persone (di 50 Paesi) che lo hanno letto e dalle oltre 3K+ che lo hanno anche condiviso lei è stato l’unico a scriverci una lettera del genere.
      Abbia, tuttavia, i miei saluti accompagnati dell’auspicio di una vita serena.
      Vincenzo Ciaraffa

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...